• Italian
  • English (US)

Pholis

La musica della Natura

Un grillo di notte.

 

Qualcuno di voi penserà: "uno dei suoni più fastidiosi che si possono sentire di notte in estate", per me no. Sentire quel grillo, frinire così forte, mi ha fatto tornare bambina, quando intorno a casa ne sentivi migliaia.

 

Spesso non ci facciamo caso, ma la natura sta cambiando, magari tu vivi in città, lontano da parchi o luoghi verdi; ma chi vive "fuori" se ne sarà accorto sicuramente: l'ambiente in cui viviamo non è più lo stesso di quando eravamo bambini, quando era normale vedere il prato riempirsi di lucciole, sentire i versi degli animali venire dai boschi o avere i grilli in giardino la sera...

Proprio per questi motivi, quando si tornano a sentire questi suoni, si riempie sempre il cuore di gioia, ci si sente pervasi da una folata di speranza, perchè forse siamo ancora in tempo per sistemare le cose, perchè forse non lo abbiamo rovinato in un modo irreparabile questo povero pianeta.

 

Credo che dovremmo proccuparci di più di quello che facciamo nel nostro piccolo, prenderci personalmete cura della parte di natura che ci circonda, del nostro parco, del nostro giardino, delle montagne dove andiamo a fare la gita di famiglia la domenica, del mare e della spiaggia dove andiamo in vacanza d'estate o anche semplicemente delle piante che abbiamo sul balcone o sul davanzale.

Ci sono moltissime cose che possiamo fare, ma che troppo spesso sottovalutiamo perchè "tanto cosa vuoi che cambi" e sbagliamo, perchè per poter cambiare le cose a livello mondiale, si deve creare una base più in piccolo per dare delle fondamenta solide alla ricostruzione del nostro pianeta.

Se tutti iniziamo a diminuire l'utilizzo della plastica, a ridurre in consumo di combustibili fossili, a consumare meno acqua.... il sistema dovrà adattarsi alle nuove richieste e domande dei consumatori, fornendo nuove soluzioni più in sintonia col nostro ecosistema.

 

E non pensiamo che siano enormi sacrifici, anzi! Ad, esempio: in casa siamo amanti dell'acqua frizzante, abbiamo smesso di acquistare le bottiglie e ci siamo convertiti al gasatore.

Abbiamo 3 bottiglie d'acqua che riutilizziamo gasando l'acqua del rubinetto, una volta al mese cambiamo la bombola, che riportiamo al fornitore, ottenendo uno sconto su quella successiva, mentre quella riportata indietro viene riutilizzata.

Con questo sistema abbiamo ridotto drasticamente il consumo di plastica ed è stato anche un piacevole risparmio economico.

 

Sono piccoli accorgimenti, sembrano nulla a livello globale, ma provate a pensare se tutti facessero come me, se tutti smettessero di utilizzare bottiglie di plastica, anche solo a casa, in grandi quantità...sarei davvero curiosa di vedere cosa succederebbe a livello mondiale e come le case produttrici potrebbero adattarsi a questo cambiamento.

 

Dovremmo imparare tutti a prenderci più cura del mondo in cui viviamo, noi siamo solo degli ospiti su questo pianeta.

 

E voi li sentite i grilli? Cosa vi ricordate di quando eravate piccoli e andavate a spasso nella natura? Cosa fate nel vostro piccolo per aiutare il pianeta?

 

Come sempre aspetto le vostre risposte e commenti su Facebook e Twitter, dove mi trovate come stefaniagattiph!

 

 

Per scoprire l'origine del progetto Pholis, clicca qui . Mentre, se vuoi leggere l'articolo di Pholis del mese scorso clicca qui !