• Italian
  • English (US)

La foto che rappresenta la voglia di voltare pagina

Cosa, nella storia dell'uomo, dovremmo celebrare e cosa ricordare

 

Questa foto potrebbe rappresentare il futuro verso il quale ci stiamo muovendo, accellerato da una serie di avvenimenti che hanno portato la popolazione, non solo americana, all'esasperazione.

Rappresenta la voglia di scrivere la storia nella sua totalità e non solo dal punto di vista di chi vince.

 

Abbiamo già visto in passato abbattere delle statue, lo sradicamento di quella di Saddam ha simboleggiato la "fine" della guerra ad esempio, qui però non stiamo parlando di dittatori, ma di alcuni personaggi storici che hanno rappresentato l'andamento della storia dell'umanità.

 

Prendiamo ad esempio Colombo: viene ricordato e commemorato per aver "scoperto" l'America, un grande navigatore ed esploratore che ha portato in Europa l'utopia di una terra nuova, il nuovo mondo. Questo però è andato a discapito delle popolazioni autoctone, che sono state depredate e sterminate dai vari conquistadores e colonizzatori, e ancora oggi i pochi discendenti di quelle popolazioni sono ghettizzate e bistrattate (stessa cosa è successa in Australia agli aborigeni).

 

Anche Churchill è stato preso di mira in quanto razzista. Forse uno dei politici più importanti a livello storico mondiale, fu anche uno dei primi a rendersi conto che Hitler non preannunciava nulla di buono (per dirla semplice), mentre nel resto del mondo veniva visto come un uomo di charme in grado di smuovere folle...

 

Proviamo ora a capire quale sia la differenza tra questi personaggi storici, diversamente importanti: entrambi hanno fatto cose positive, entrambi sono stati causa di migliaia di morti innocenti e soprusi che noi non possiamo nemmeno immaginare, ma devono essere ricordati. La storia serve a questo, a ricordare ciò che è stato per imparare dal nostro passato e crescere un pò.

 

C'è una bella differenza tra ricordare e celebrare.

 

Ricordiamo qualcosa quando siamo consci del cosa, come e perchè un avvenimento si è sviluppato, celebriamo quando vogliamo dare peso a ciò che questa persona ha fatto di buono, mettendo un ò da parte la parti negative della storia....ma lo sappiamo, la storia è scritta da chi vince, quindi difficilmente troveremo pareri discordanti nei libri di scuola.

 

La storia è importante perchè ci dovrebbe dare un quadro generale di ciò che è successo in passato, aiutandoci a capire come riconoscere certe situazioni per evitare che si ripetano. L'ho già detto, dovremmo rabbrividire al solo pensiero che un capo di stato possa decidere di censurare una testata giornalistica o un sito, perchè fanno commenti contro di lui ( clicca qui se vuoi approfondire).

Quando studiamo, dovremmo imparare a vedere le cose da tutti i punti di vista, dovremmo imparare a conoscere un evento in modo imparziale, un pò come quando guardiamo una foto per la prima volta senza contesto: la analizziamo e cerchiamo di capire cosa stia succedendo senza preconcetti. Poi dovremmo anche imparare a contestualizzare, non possiamo analizzare il passato e giudicare chi è venuto prima di noi, in base a quello che pensiamo oggi: il nostro pensiero e modi di vivere di adesso, la nostra etica e morale, sono frutto di un'evoluzione dei diritti e del modo di vivere del passato. Per noi adesso è normale (giustamente) che ci siano coppie gay che si baciano per strada, negli anni '50, in certi Stati, era un reato, ed era normale per le persone considerarlo tale perchè la società era così (non è una giustificazione, ma un dato di fatto).

Tra cent'anni i nostri bis nipoti guarderanno a noi e penseranno a quanto siamo stati stupidi a bruciare il nostro pianeta e a non difendere i diritti basilari di ogni essere vivente.

 

Forse, invece di celebrare chi riteniamo sia stato un grande della storia dell'uomo, dovremmo celebrare ciò che ha portato l'essere umano ad un gradino superiore, ciò che ha reso la razza umana un pò migliore, ricordando come ci siamo arrivati e i personaggi che hanno contribuito (pregi e difetti), perchè se non incominciamo a ricordare di più la storia, invece di celebrare persone e avvenimenti che ormai sono solo occasione di polemica, arriveremo a dimenticare come una situazione diventa "pericolosa" e non saremo più in grado di evitare di cascarci di nuovo.

 

Cos'è che secondo voi dovrebbe essere ricordato e cosa anche celebrato? Credete anche voi che ci sia una differenza tra le due cose?

Scrivetemi i vostri pareri sui social: Facebook, Twitter o Instagram dove mi trovate come stefaniagattiph!