• Italian
  • English (US)

Stili fotografici

Come mettere il nostro cuore nelle nostre foto e renderle uniche

 

Se guardiamo le nostre fotografie, da quando abbiamo iniziato a scattare ad adesso, possiamo vedere molte differenze: di soggetti, della composizione, dell'utilizzo dei colori e della luce. E' bellissimo vedere quanto siamo cresciuti e quanto è cambiata la nostra visione del mondo, perchè, alla fine, le nostre foto rappresentano il nostro modo di vedere il mondo, rispecchiano quello che per noi è importante e che vogliamo condividere con il resto del mondo.

 

Quando iniziamo a scattare, abbiamo l'idea della foto perfetta, tutto deve essere studiato perfettamente: la luce, la composizione il soggetto...tutto doveva essere messo in modo tale da far dire a chi la guarda "wow, che foto figa". Ma non ci vuole molto a rimanere delusi, perchè il mondo che ci circonda non è perfetto, si muove ad una velocità pazzesca e non puoi chiedergli di fermarsi quei 5/10 minuti per farti impostare tutto benissimo.

Dopo un pò inizi a farti l'occhio, quindi diventi un pò più veloce a capire come gestire la situazione e inizi a non avere più bisogno di quei 5 minuti, te ne basta magari solo 1, ma comunque il mondo non si ferma, tutto continua a correre.

 

A questo punto che si fà?

 

Semplice: impari ad adattarti.

Le foto non saranno più super studiate, ma inizieranno ad essere più naturali, più vere, e pian piano inizi a sviluppare delle preferenze, preferisci le foto in studio, quelle per strada, agli animali, alle foglie, ai treni che passano o al cane che dorme sul tuo divano. Chiunque si trovi a scattare spesso delle foto, indipendentemente dall'attrezzatura, dopo un pò inizia a sviluppare uno stile personale che racchiude una serie di impostazioni, un tipo di luce, una resa dei colori e tantissimi altri elementi, che poi ci fanno rivedere in quella foto.

 

Il segreto di una foto che funziona è dargli un'anima, mettere un pezzetto di noi in ogni foto la rende viva e con un significato, in questo modo chiunque la osserva capisce che è una nostra foto e coglie il significato che volevamo trasmettere, magari non tutti, ma qualcuno si e fosse anche uno solo, sarà un successo comunque.

Certo, studiare la fotografia è essenziale, ma ad un certo punto bisogna mettere da parte lo studio e fare tanta tanta pratica.

 

Personalmente ho trovato il mio stile negli ultimi due anni, da quando ho deciso che la fotografia sarebbe diventata il mio lavoro e ho iniziato a scattare con il cuore, e non per fare i like su Instagram. Se si guardano le mie foto, prima di questi due anni si nota lo stacco, chi mi conosce e ne ha viste tante lo nota e una delle prima considerazioni è stata "ehi! Ma ci sono delle persone nella tua foto!"

Non ho mai amato fare foto alle persone, perchè poi magari non hanno voglia di essere ritratti, perchè se ti vedono cambiano espressione e per tanti altri motivi, ma sono in periodo della mia vita in cui voglio trasmettere dei messaggi, voglio trasmettere i dettagli della vita che ci perdiamo nel via vai delle giornate che corrono, quelle piccole cose che spesso ci dimentichiamo. E, in certi casi, le persone rientrano in questo ambito, ci sono dei momenti in cui ci dimentichiamo delle persone che ci circondano, ci scordiamo che dietro ad un mestiere, c'è un essere umano come noi che pensa , vive e ha dei sentimenti.

 

Le mie foto non sono sempre perfette, lo potete vedere, ma, come dicevo prima, la vita non è perfetta e non aspetta, non sempre si è fortunati a si hanno le impostazioni perfette al momento giusto, si, a volte ci va tanta fortuna, la post produzione può aiutare e credo che, in questi casi, sia meglio ricorrere a qualche aggiustamento in seguito piuttosto che perdere uno scatto.

Anzi, in certi casi il fatto che la foto non sia perfetta la rende ancora più significativa.

 

Amo scattare in bianco e nero, trovo che il togliere i colori ti costringa a concentrarti su quello che voglio trasmettere, toglie le distrazioni, rende la foto un pò maliconica a, mi rivedo di più in questo tipo di foto. Gli scatti a colori li preferisco per il tema natura, è magnifica proprio per i sui colori e per come la luce gioca con loro; anche per quanto riguarda l'architettura mi piace lasciare i colori per la maggior parte degli edifici, ma ci sono anche alcuni che si prestano molto al bianco e nero. Bisogna adattarsi e non inchiodarsi su uno stile particolare, lasciamo che la creatività e l'ispirazione ci guidino verso qualcosa di nuovo e alla sperimentazione.

 

Ricordiamoci che gli unici limiti che abbiamo, sono quelli che ci auto-imponiamo.

 

E voi, qualè il vostro stile, in cosa vi ritrovate di più? Sono molto curiosa di sapere cosa ne pensate, scrivetelo sulla pagina Facebook, Twitter o Instagram!

 

I fotografi, una volta avevano il potere di influenzare le masse, è ancora così? Scoprilo! clicca qui

Vuoi scoprire un modo immersivo e tutto nuovo per vivere la fotografia? clicca qui