• Italian
  • English (US)

La foto che rappresenta Marte

Futuro prossimo o lontano miraggio?

 

Marte: il pianeta rosso. Rappresenta il futuro della nostra civiltà o solamente un lontano miraggio?

 

E' stato da poco pubblicato uno studio che vede Marte coperto di acqua e fiumi che potrebbero essere stati simili il al Po, tutto questo però succedeva 3,7 miliardi di anni fa....adesso potrebbero essere sommersi o semplicemente prosciugati.

 

Da sempre gli umani guardano al pianeta rosso, come un possibile casa futura per la nostra civiltà, un luogo di speranza, di rinascita e di espansione verso la conquista dell'universo, in più il termine "marziano", che rappresenta qualcosa di alieno, strano ed esterno a tutto ciò che è terrestre, deriva proprio da Marte. Un'infinità di teorie sostengono che milioni di anni fa Marte fosse popolato da una civiltà florida, che però distrusse il proprio pianeta e migrò sulla terra, rendonci loro discendenti, per alcuni scienziati invece rappresenta un possibile futuro della nostra amata Terra.

 

Che seguiate la teoria degli omini verdi o degli scienziati che cercano di capire cosa ha trasformato quel pianeta da florido e ricco di acqua (e probiblmente di vita) in una landa di sabbia e roccia, dovete ammettere che sia una grande fonte di curiosità e ispirazione.

Guardare allo spazio ha fatto sempre sognare l'essere umano: guardando le stelle ci chiediamo chi siamo, quale sarà il nostro destino, ci sentiamo infinitamente piccoli in universo così enorme e infinito, se c'è qualcuno su un altro pianeta che sta guardando le stesse stelle e si sta facendo le nostre stesse domande...probabimente si.

 

Vi siete mai chiesti come sarebbe se l'essere umano riuscisse davvero a colonizzare Marte? Saremmo davvero in grado di ripartire da zero, affrontare le difficoltà che un mondo sconosciuto ci para davanti, e creare un mondo nuovo e migliore? Infondo un pianeta lo abbiamo già e lo stiamo portando allo sfinimento, prima di andare a colonizzare l'universo, non sarebbe meglio trovare un equilibro con quello che già abbiamo? Non sarebbe solo una fuga da ciò che non riusciamo a gestire qui, sulla terra?

Non possiamo saperlo.

Ma sono di indole ottimista e credo che i primi colonizzatori, faranno talmente tanta fatica ad iniziare una vita su Marte, o su qualsiasi altro pianeta, che si opporrebbero con forza a qualsiasi tipo di sfruttamento incondizionato, sapendo di non essere loro a comandare ma il pianeta stesso...anche perchè Marte sembra essere molto meno cordiale e accogliente della nostra Terra.

 

Ma cosa può centrare lo spazio in un blog di fotografia?

 

Bene, sapete che gran parte dei dati che vengono analizzati dai nostri scienziati sono immagini?

Sono fotografie.

Se non ci fosse la fotografia, non avremmo idea di come sono fatti tanti pianeti, di come sarebbe la superficie di Marte o l'immenso ciclone di Giove, grazie alla fotografia, i potentissimi telescopi spaziali possono fermare l'universo e trasmetterci ciò che vedono e che non potremmo mai vedere senza di essi. La fotografia è parte essenziale della ricerca spaziale, e non solo quella conosciamo e usiamo anche noi, ma anche quella a infrarossi si è rivelata indispensabile in dierse ricerche.

Per non parlare delle foto in notturna che possiamo ammirare su google, dove puoi vedere lo snodarsi della via lattea sopra le nostre teste.

 

Ho scelto questo argomento per riflettere anche sul fatto che, lo sviluppo tecnologico, qualsiasi sia lo scopo finale, va a toccare tantissimi altri campi: prendiamo appunto esempio dalla fotografia.

La NASA, o chi per esso, ha bisogno di lenti e hardware sempre più potenti e prestanti per poter arrivare a vedere più lontano e meglio, quindi vengono creati nuovi componenti. Dopo qualche anno, questi componenti vengono creati anche dalle case che producono macchine fotografiche, all'inizio costeranno tantissimo, ma col tempo saranno un componente base di ogni macchina.

Questo procedimento è lungo e si verifica nel corso, a volte, di una decina di anni, ma è così che le nuove tecnologie entrano nella vita di tutti. Più semplicemente pensate a Internet: è nato per scopi militari durante la Seconda Guerra Mondiale, ora è parte essenziale della nostra quotidianità.

 

La gran parte delle tecnologie che utiliziamo tutti i giorni erano nate per soddisfare uno scopo specifico, anche molto diverso da quello che ne facciamo adesso, buffo no?

 

E voi, siete pronti a colonizzare un nuovo pianeta? O siete curiosi di sapere come lo sviluppo tecnologico cambierà le nostre vite sulla Terra?

Scrivete le vostre opinioni sulla mia pagina Facebook o sul mio profilo Twitter!

 

Cosa ci aspetta nel futuro e come lo affronteranno le nuove generazioni?clicca qui

 

La Terra sta respirando e sembra non sentire la nostra mancanza, se vuoi scoprire perchè clicca qui