• Italian
  • English (US)

Quarantena, fotografia e creatività

Come la quarantena sta influenzando e cambiando le tendenze

 

Il lockdown ci ha costretto a rivalutare gli spazi che abitiamo, spazi che per alcuni di noi erano solo destinate al mangiare e al dormire in quanto si viveva e lavorava fuori casa: ci siamo ritrovati a reinventare alcuni di queste aree della casa e dedicarli al lavoro o allo sport o all'intrattenimento nostro e dei nostri figli.

Primo fra tutti, a cambiare le nostre abitudini, è stato lo smartworking: ha cambiato il nostro modo di vivere il lavoro e i rapporti con i colleghi dell'ufficio. Ma per chi non lavora in ufficio, per chi fa un lavoro come il mio (fotografo) come è cambiato il lavoro?

 

Se girate su instagram, e vi interessate di fotografia, in questo mese di quarantena e da quando si è estesa a livello globale, c'è stato un boom di fotografie che ritraggono nature morte di ogni sorta (still life) dagli oggetti al vaso di fiori con piccole goccioline d'acqua alla tazza di tea/caffè circondata da fiori e libri oppure foto che ritraggono cibo... per essere sincera inizio a trovarli un pò banali: all'inizio era tutto un "wow, che definizione, che composizione, che luci!", al ventesimo giorno di quarantena quei "wow" sono diventati un " si, ok, che bel fiorellino".

Ci tengo a sottolineare che è solo una valutazione strattamente personale, non critico quelle foto perchè tecnicamente sono magnifiche, pensate però alla Gioconda: se ci fossero 2000 di quello stesso quadro, non perderebbe un pò di valore?

Tra questi milioni di prati fioriti, c'è chi invece sta sperimentando, sta provando qualcosa di diverso da quello in cui è specializzato: pensate ad uno street photographer o a un ritrattista, è davvero difficile trovare degli spunti in casa propria. Ma dalle loro gallerie si vede un cambiamento, che sia di soggetti, di luce o di stile, possiamo chiaramente distingue la foto che segna l'inizio della sperimentazione, l'inizio della creatività.

 

Nel lavoro pre-Covid tanti di noi si sono incastrati nel nei propri stili e abitudini, forse prima limitavamo un pò la nostra creatività dicendoci che non avevamo tempo da dedicare allo studio e alla messa in pratica di qualcosa di diverso dalle nostre abitudini. Tutti noi abbiamo degli interessi che abbiamo sempre accantonato perchè, come tanti altri lavori in freelance, bisogna pensare a ciò che ci dà delle entrate e per dedicarsi alla ricerca di qualcosa di nuovo bisognarebbe accantonare per qualche ora a settimana il lavoro "ufficiale".

 

Ora che il tempo lo abbiamo, abbiamo anche due scelte: la prima è cercare quello che fa tendenza e entrare nel vortice delle migliaia di foto dei fiorellini e tazze di caffè; oppure possiamo sperimentare, provare quelle cose che abbiamo sempre voluto provare, ma non abbiamo mai avuto tempo per poterlo fare, possiamo liberare la nostra creatività ed essere la voce fuori dal coro.

Ci sono diversi modi di essere creativi, come ad esempio creare un sito internet, iniziare a scrivere un blog con le vostre opinioni e pensieri, provare quel filtro rosso che avete da anni ma non siete ancora riusciti a provare davvero, iniziare a scattare a testa in giù, smettere di mettere il soggetto a foco e via dicendo...non c'è limite all'immaginazione e alle possibilità.

 

La fotografia è arte, ma spesso ce ne dimentichiamo, per paura di essere giudicati male, di non essere capiti o perchè gli artisti sono spesso famosi per non riuscire a guadagnare abbastanza.

 

Posso parlare solo per me stessa, ma sto davvero imparando quando fare quello che amo: credo che faccia bene e non solo alla mente, quando ci si impegna davvero nelle cose che si fanno qualcosa ritorna sempre, non sarà mai tutto subito, sarà difficile e faticoso, ma quanto sarete soddisfatti dopo?

Liberate la mente, uscite dalla vostra comfort zone, tanto siamo in quarantena...possiamo approfittare dell'assenza del confronto diretto con le persone per ritrovare noi stessi e sfruttare questo periodo per diventare così self confident, da poter essere noi stessi con la nostra creatività a palla sempre! Quanto sarebbe bello?

 

Uscite dalla vostra comfort zone e fatemi sapere e vedere quali sono stati i risultati e cose siete stati in grado di creare in questo periodo, e magari cosa avete deciso che continuerete a fare anche dopo la quarantena.

I mezzi ormai li conoscete: la mia pagina di Facebook e Twitter!