• Italian
  • English (US)

Vivere la fotografia oggi

Quale valore diamo alla fotografia nel tempo digital?

 

L’avvento della fotografia digitale non ha solo cambiato il modo di fare foto, ma anche il modo di osservarle e il loro valore per una comunità, oggi vorrei parlare con voi proprio delle foto che facciamo tutti i giorno con il nostro cellulare.

Ora, pensate al vostro cellulare e elencate 10 utilizzi principali, bene, scommetto che “scattare foto” rientra per tutti voi in questi 10 e che per quasi tutti voi nei primi 5.

Ho voluto farvi fare questo ragionamento per entrare nel mindset di questo articolo: come viviamo la fotografia oggi?

Ormai è parte integrante della nostra vita e non solo dal punto di vista informativo o giornalistico, ma anche personale: poter condividere un'esperienza o conservare un ricordo all'interno del proprio dispositivo e averlo a portata di mano è una necessità, non più uno sfizio, una caratteristica essenziale che ricerchiamo in ogni smartphone che acquistiamo.

Facciamo un passo indietro, a una cinquantina di anni fa, quando il primo cellulare stava per effettuare la sua prima chiamata e la prima macchina fotografica digitale era ancora un prototipo nel laboratorio di un tecnico Kodak, torniamo a quando la fotografia era solo per pochi eletti e diventare fotografo per una testata giornalistica non era alla portata di tutti, quando magari era al momento giusto nel posto giusto ma con la pellicola sbagliata, quando i programmi di modifica erano i chimici sviluppatori che a volte riuscivano a fare magie, ecco direi che qui basta come salto indietro.

In questo periodo, la fotografia, era un’arte per pochi per diversi motivi: i costi (le pellicole e le macchine costavano davvero molto), le macchine erano manuali quindi nessuna automazione ed erano richieste conoscenze specifiche difficili da reperire (molte conoscenze erano apprese con l’esperienza).

Non devo approfondire la questione vero? Pensate alle opzioni presenti sul vostro dispositivo (ISO, bianco e nero, filtri, ecc…) ok, adesso pensate che ognuna di questa opzioni diventi un accessorio a parte e pensate di dover acquistare ognuno di questi accessori per poter fare una foto…..costoso vero?

Ora pensate di dover imparare ad usare ognuno di questi accessori, ovviamente di internet non se ne parla, reperire qualcuno che sia disposto ad insegnare è difficile, quindi devi andare per tentativi e questo aumenterà ancora i costi….hai capito dove voglio arrivare? Ottimo, quindi capirete anche che valore potessero avere le fotografie ai quei tempi.

E oggi? Che valore hanno oggi, cosa rende una fotografia di valore oggi?

Vi dico già che non è il soggetto, esatto, non basta fotografare una persona famosa o un rifugiato per diventare il fotografo dell’anno; no, non è nemmeno l’attrezzatura e nemmeno la resa grafica, la risoluzione (a nessuno interessa vedere i peli del naso del Trump di turno) o la costruzione, queste sono cose che non dipendono dal fotografo: avere un’attrezzatura per milioni di euro, non fa di me un fotografo. La cosa che rende una fotografia geniale è l’idea, è il messaggio che si vuole dare ed è il modo che si sceglie per veicolarlo.

Questa settimana vi propongo un gioco: indipendentemente dal vostro apparecchio, scattate a qualcosa che per voi ha un significato e fatelo nel modo che vi sembra più appropriato, fatto questo provate a condividerlo spiegando nella descrizione il vostro messaggio e osservate l’impatto che può avere sul vostro pubblico, tornate qui e scrivetemi cosa è successo, se è stato difficile e se siete stati compresi o criticati sono certa che avremo interessanti spunti di riflessione dei quali parlare insieme!