• Italian
  • English (US)

L'inversione dei ruoli

Come da una crisi può nascere una comunità migliore.

 

Questa immagine non rappresenta solo un comitato cinese in visita in Italia, ma nasconde qualcosa di più profondo e più "pesante" per noi, qualcosa che ci fà, o comunque dovrebbe farci, sentire un pò più piccoli e un pò più umili e magari farci dire uno "scusa", a bassa voce, davanti allo schermo...

Queste persone, sono partite dalla Cina dopo aver affrontato una crisi enorme, dalla quale non possono ancora dire di esserne usciti completamente, per venire da noi (che fino a un mese fa, li isolavamo, insultavamo pubblicamente per strada, li picchiavamo, ecc....) ad aiutare e prestare soccorso, con loro sono arrivate anche chilate e chilate di scorte di materiale sanitario.

Si, dico noi, anche se personalmente non ho mai avuto risentimento per nessuna nazionalità, perchè purtroppo, all'estero, poche persone fanno una nazione: pensiamo al nostro "mafia, spaghetti e mandolino". La Cina, oltre ad essere ghettizzata, non ha ricevuto aiuti esterni per affrontare la crisi, anzi ce ne siamo stati ben ben chiusi a incrociare le dita e minimizzare, comprando però mascherine e amuchina come se non ci fosse un domani....quindi la mia domanda è: chi glielo ha fatto fare di venire qui, a rischiare in prima persona, per aiutare noi?

Lungi da me fare politica e puntare il dito per giudicare, lo scopo di questo articolo è dire che anche noi potremo fare lo stesso, quando staremo meglio (perchè #tuttoandràbene) come persone, come comunità e come Stato avremo due scelte:

1- guardare le altre nazioni dall'alto e chiuderci dentro (ancora) rinfacciando agli Stati UE la loro assenza nel momento del bisogno;

2- tendere una mano e dire "siete stati dei pirla, potevate prendere esempio da noi e almeno provare a prevenire. Non lo avete fatto, ma siamo tutti sulla stessa barca e ora vi diamo una mano per uscirne più velocemente"....cosa fareste voi?

Lo so, un pò di rabbia e risentimento ci sono, ma possiamo imparare molto da questo momento, come da ogni crisi, potremmo uscirne come una nazione nuova e unita, dove il razzismo potrebbe diventare (finalmente) una cosa di cui vergognarsi e non da sventolare sui social come una bandiera. Gli italiani hanno una grande forza d'animo, è un retaggio che ci portiamo dietro da secoli, che magari ci siamo dimenticati, ma è lì e lo stiamo dimostrando al mondo: guardate tutte le iniziative solidali che sono partite, o quelle che incentivano alla comunicazione sui social, tutti coloro che hanno fatto di una semplice chat una comunità con dei visi di persone vere! Da quanto tempo non sentivamo questa unità nazionale? Da quanto tempo nessuno ci diceva "siete un esempio come ha fatto recentemente l'OMS? Forse davvero troppo....

 

#iorestoacasa e ho deciso di sfruttare questo tempo studiando e lavorando su me stessa per dare un significato ancora maggiore a questi giorni di stop e tornare più forte di prima, voi cosa avete riscoperto o come avete deciso sfruttare questo periodo? Vi state dedicando a un hobby in particolare o avete finalmente deciso di piazzarvi sul divano con piumone e Netflix? Creiamo anche noi un piccolo punto di ritrovo e lasciate qui spunti e idee come passare questo periodo e se ci sono aspetti della vostra vita che avete cambiato o avete intenzione di cambiare!

 

E come disse De Gregori "Viva l'Italia, l'Italia che resiste!"

Sono curiosa di sapere cosa ne pensate, potete trovarmi su Facebook, Twitter o Instagram come stefaniagattiph!

 

 

Fonte foto: cri.it